Primavera sinonimo di allergie… che fare?

 

Occhi rossi, palpebre arrossate e pesati, prurito e/o bruciore agli occhi, lacrimazione anomala? Se non vi sono patologie oculari, questi sono tutti sintomi di un’allergia ai pollini! La primavera, infatti, è un periodo tipico per la manifestazione di reazioni allergiche…
Cosa fare?
Per dare sollievo agli occhi si può utilizzare l’integratore del film lacrimale OPTOsol, una lacrima artificiale (disponibile anche in fialette monodose) che facilita l’allontanamento degli allergeni dall’occhio, alleviando la secchezza oculare con un effetto idratante e lubrificante; le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti del Ginkgo Biloba, invece, aiuta a ridurre l’irritazione e l’infiammazione.

collirio allergie occhi rossi prurito ottica giglio scandicci

Un altro prodotto molto indicato è il Lipostamin, il primo spray oculare e palpebrale ai liposomi; gli estratti vegetali di liquirizia, eufrasia, cappero ed elicriso, ideali coadiuvanti in caso di forme allergiche da polline, povere e agenti esteri, calmano l’arrossamento, il bruciore e il prurito della zona oculare e palpebrale. Lipostamin crea un sottile film protettivo, come una barriera, in grado di contrastare gli allergeni ambientali.
 
Consigli:
l’alimentazione è sempre importante! In questo periodo è indicato bere o mangiare banana, cavolfiore e mirtillo, ma in questo nostro articolo, potrete scoprire tutti gli alimenti ideali per una “dieta salva vista”!
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone